lunedì 2 novembre 2009

Mermellata di "pomi" e vaniglia


Io li ho sempre chiamati "pomi". Così li chiamava mia nonna e così continuo a chiamarli io. Frequentemente li sento chiamare "diosperi" o "kaki" e raramente "loti". Voi come dite???



800 gr di pomi a mela (già privi degli scarti) quelli che rimangono duri anche se maturi
400 gri di zucchero
il succo di un limone
un baccello di vaniglia

Tagliate a pezzettini molto piccoli i pomi. Metteteli in una ciotola con lo zucchero e il limone. Aprite il baccello di vaniglia ed estraete i semini, aggiungeteli ai pomi, unite anche il baccello e mescolate bene. Lasciate riposare il tutto una notte in frigorifero. Il giorno successivo mettete sul fuoco, portate a bollore e fate cuocere fino a che non sia stata raggiunta la giusta consistenza della marmellata (fate la prova piattino). Eliminate il baccello di vaniglia e versate la marmellata dentro a dei barattoli a chiusura ermetica sterilizzati. Io faccio una seconda sterilizzazione mettendo i barattoli in una pentola piena di acqua e li faccio bollire per 35/40 minuti.







Posted by Picasa

18 commenti:

  1. complimenti per le foto con questi meravigliosi colori autunnali,soprattutto quelle delle "caldarroste"...si,anche a parma si chiamano così,e i "pomi" noi li chiamiamo caco mela o caco vaniglia,che con vergogna dico di non aver mai mangiato!

    RispondiElimina
  2. Meravigliosa questa marmellata..bravissima!Un bacione e buona giornata!

    RispondiElimina
  3. buonissima marmellata!! complimenti!! baci e buona giornata!!

    RispondiElimina
  4. gnam gnam!!!buona settimana

    RispondiElimina
  5. che buona e golosa che deve essere questa marmellata di uan dolcezza con i cachissi(come li chiamano a napoli:-)e la vaniglia!!!una vera goduria!!baci imma

    RispondiElimina
  6. Meravigliosa idea che mi hai datooo!!!Dev'essere davvero buona!!!Un abbraccio e buona settimana

    RispondiElimina
  7. Buonissima davvero!!!! p.s. che bei colori!!!!!!! :-D lisa

    RispondiElimina
  8. ossignùr!!!! la marmellata di kaki, così li chiamiamo noi... mi manca!!!!
    io adoro i caki, se potessi li metteri anche nel caffè...
    grazie, me la copincollo subitissimo e la provo al più presto!!!

    ciao, Caterina

    RispondiElimina
  9. Silvia,
    ma sai che adoro i pomi vaniglia?
    Solo quelli però...e solo se sono ancora duretti.
    Appena li trovo, voglio provare anche io...
    Grazie per le tue meravigliose ricette
    Aurelia

    RispondiElimina
  10. io li chiamo cachi, e li scrivo barbaramente con la "C" ahahahh :-D l'anno scorso ho fatto anch'io una marmellata di cachi ma non li ho usati in purezza bensì mescolati a mele, pere ed altra frutta che avevo in casa... sai quelle marmellate svuotafruttiera? :-P la proverò, in purezza, con la tua ricetta, appena mi capitano sottomano!

    RispondiElimina
  11. Le ricette delle nonne sono quelle che preferisco, ti dispiace se te la copio ???
    Se i cugini mi danno cachi (come spero), provo a farla anch'io.
    Mandi

    RispondiElimina
  12. ma quanto sara'buona???
    bravissima!!

    RispondiElimina
  13. Noi li chiamiamo cachi, la marmellata non l'ho mai mangiata con questo frutta, ma con la vaniglia devono starci benissimo!!

    RispondiElimina
  14. Adoro i cachi e una marmellata non mi dispiacerebbe, in parecchie case qua si trovano i cachi di produzione familiare il tuo è un invito a provare. La tua ha un aspetto ottimo.
    Ho fatto anche io una marmellata ieri.

    Rosalba

    RispondiElimina
  15. Fantastica la ricetta e la presentazione, da 10 e lode :P

    RispondiElimina
  16. Bell'idea la marmellata di kaki, me ne hanno giusto regalata una cassetta.
    Da moi, però, i pomi sono le mele...
    Albertone

    RispondiElimina
  17. Sono indietrissimo con le risposte ai commenti!
    non ce la faccio a rispondere singolarmente
    un grazie a tutti!

    RispondiElimina

fettunte