martedì 7 settembre 2010

Panna cotta (con agar agar) ai fichi con caramello

Dopo questo budino il mio "rapporto" con l'agar agar si era rovinato, i due esperimenti successivi sono stati un disastro, le preparazioni sono rimaste piene di grumi. Di solito l'agar agar si aggiunge quando il liquido inizia a bollire, io ho pensato di eliminare il problema dei grumi aggiungendolo nel liquido freddo in modo in modo da avere più tempo per sciogliersi, il risultato positivo c'è stato, anche se penso che il procedimento non sia corretto...
La ricetta di questa panna cotta l'ho presa dal numero di agosto de La Cucina del Corriere, la ricetta originale non prevede l'uso dell'agar agar, ma quello della gelatina (per che volesse usare la gelatina c'è scritto 4 fogli, ma senza specificare il peso del singolo foglio).
Sotto vi riporto la ricetta del caramello trovata sulla rivista, a me non è uscito molto bene, ma io combino disastri con qualsiasi ricetta del caramello... ma se avete una ricetta collaudata fatelo con quella.

panna cotta ai fichi con agar agar

12 fichi (io ho usato i dottati)
400 gr di panna
100 gr di zucchero
3 cucchiaini di agar agar

100 gr di zucchero per il caramello

Lavate i fichi e sbucciateli. Unite la polpa dei fichi alla panna e allo zuccero e frullate. Mettete il tutto in un pentolino, aggiungete l'agar agar e portate a bollore poi fate sobbollire per 2 minuti. Togliete dal fuoco e versate la panna negli stampini. Fate solidificare fuori dal frigo e poi conservateli al fresco.

Preparate il caramello facendo bollire 50 ml di acqua, fate fondere 100 gr di zucchero in una casseruola e poi versateci l'acqua bollente, mescolate e fate cuocere fino ad ottenre il caramello.

Sformate la panna cotta e servitela con il caramello. ( io ho versato un po' caramello sopra la panna cotta prima di toglierla dallo stampino, per questo l'esterno ha preso il colore del caramello)

47 commenti:

  1. Sono rimasta allibita da questa delizia!!Adatta a questi periodi, poco soleggiati, per conoslarci un pò!

    RispondiElimina
  2. Me encanta la panna cotta pero nunca la había hecho con agara agar.. La mezcla con los higo de fondo te ha quedado bellissima
    Baci

    RispondiElimina
  3. Federica: solo il colore di questa panna cotta riscalda un bel po'!

    RispondiElimina
  4. E' bellissima!!! E molto originale.
    Sull'agar agar, mi ha dato sempre problemi, quindi vado di gelatina...ciao!

    RispondiElimina
  5. Silvia: secondo la mia esperienza (ma le ciofeche ogni tanto le faccio anch'io) per avere una buona riuscita con l'agar-agar bisogna rispettare due regole...
    1 - L'agar-agar deve essere in polvere, la piu' fina possibile. Altrimenti grumi assicurati. E, aggiungo, dev'essere agar-agar di buona qualita', le contraffazioni esistono ovunque ci sia da guadagnare. Nel dubbio cambia marca.
    2 - L'agar-agar va mescolato sopra i 70 gradi e NON va fatto bollire. Io porto il liquido quasi a bollire, spengo e aspetto un minuto (certo se hai il termometro e' meglio). Poi spolvero con la polvere e mescolo per un paio di minuti. Fatto! FAr raffreddare a temperatura ambiente, solo dopo si puo' mettere in frigo, se serve.

    Una volta che hai trovato il giusto modo con l'agar-agar non vorrai piu' usare la gelatina.

    Il mio penultimo post, non quello di oggi, era un budino simile al tuo, anche quello con agar-agar.

    RispondiElimina
  6. Anche dai papocchi escono meraviglie! Brava!!!

    RispondiElimina
  7. Bellissima, per me che adoro è i fichi è una vera tentazione da provare al più presto!

    RispondiElimina
  8. Bellissima ricettina io non ho mai provato ad usare l'agar agar perchè non mi fido molto!!
    Non parliamo del caramello io e mia madre non riusciamo a farlo bene va sempre qualcosa storto....

    RispondiElimina
  9. Quest'anno non sono riuscita ad assaggiare neanche un fico!!!
    Questa tua delizia me li fa davvero rimpiangere!!!Io opto per la gelatina...Bacio

    RispondiElimina
  10. ma che meraviglia!! di foto e di dolce....!

    RispondiElimina
  11. Oh, anche io ho sempre problemi con l'agar agar... ma se tu ci sei riuscita provo di sicuro il tuo metodo! :)
    Bella ricetta in ogni caso :)
    A presto
    J.

    RispondiElimina
  12. Riguardo all'agar agar consiglio di leggere il post pubblicato il 19 maggio scorso da www.stelladisale.it.
    Nicoletta

    RispondiElimina
  13. Que presentación más maravillosa, y lo de usar agar-agar nunca lo he probado con esta receta.

    Saludos

    RispondiElimina
  14. Araba: grazie!

    Corrado: ho cambiato marca e sono arrivati i grumi... Proverò anche il tuo metodo, il termometro ce l'ho!

    Gialla: :-)

    Aria in Cucina: se adori i fichi ho altre cosette che pubblicherò nei prossimi giorni!

    Francesca: anche tu problemi col caramello?!?!

    Ambra: dai che sei ancora in tempo per mangiare i fichi!

    Sara: grazie!

    jasmine: ciao e grazie!

    Nicoletta grazie per l'info, vado a vedere.

    Jose manuel: grazie!

    RispondiElimina
  15. Silvia, cara, tanto per chiarirmi le idee: a quanto agar-agar corrisponde un foglio di gelatina? Ho un pessimo rapporto con quest'ultima, il che mi porta a rinunciare a tutta una categoria di dolci che, invece, mi piacciono moltissimo e se si potesse recuperare con l'agar-agar...

    RispondiElimina
  16. é spettacolareeeeeeeeeeeeee, davvero deve essere una bontà incredibile.
    Complimenti

    RispondiElimina
  17. Serena che domanda difficile! Non so darti una risposta precisa, di solito uso due cucchiani di agar agar per 500 ml di liquido e per 500 gr di liquido mi sembra (e dico mi sembra perchè non ho un bel rapporto con la gelatina e non ricordo bene le dosi) di aver usato 4 o 5 fogli da 2 gr di gelatina. con un calcolo approssimativo mezzo cucchiano di agar agar corrisponde a un foglio da 2 gr di gelatina...

    Help se qualcuno è più esperto si faccia avanti!!!!

    RispondiElimina
  18. adoroooooo la panna cotta...
    e poi quel colore sublimeeee..
    ciao da lia

    RispondiElimina
  19. Buon pomeriggio, che spettacolo questa panna cotta...immagino che con i fichi sia dolcissima!!! complimenti!!! un abbraccio..;-D

    RispondiElimina
  20. What a beautiful panna cotta. I love the shape. Wish I could find a bowl with ridges like that it to make some myself.
    Panna Cotta is my favourite dessert by far.

    RispondiElimina
  21. deliziosa! con i fichi e quel caramello colante ;-P che bella!!!

    RispondiElimina
  22. L'aspetto è magnifico, la tua foto buca lo schermo!!
    Anche io è da un pò che ho comprato l'agar agar, ma sono un pochino restia a provarlo...

    RispondiElimina
  23. bella davvero questa panna cotta! anche io non mi sono mai cimentata con l'agar.. chissà se prima o poi..

    RispondiElimina
  24. Mamma quanto mi piacciono i fichi!!!Questo dessert è un capolavoro.

    RispondiElimina
  25. Questa s'ha da fare!!! Adopererò la gelatina perchè non sono molto amica dell'agar-agar. Bellissima foto. Un abbraccio ai tuoi bimbi!!!

    RispondiElimina
  26. Devo confessarti che l'agar agar un pò mi intimorisce...e sinceramente non ho ancora ben capito la differenza con la gelatina... ma questo budino è sensazionale! Io i fichi li adoro! Ah, quasi dimenticavo, piacere di conoscerti! E complimenti per il bellissimo blog ricco di ricette invitanti...se vuoi passa a trovarmi, la porta della mia cucina è sempre aperta, sopratutto a nuovi ospiti!

    RispondiElimina
  27. che buona la panna cotta! va bene sempre, in ogni momento e stagione.. coi fichi sarà una vera bontà! Grazie per le dritte sull' agar agar

    RispondiElimina
  28. ho comprato l'agar agar da natura sì ma ancora non mi decido a provarlo, mi sa che è arrivata l'ora... io adoro sia fichi che la panna cotta, bell'accostamento!

    RispondiElimina
  29. Ma che bella la forma fatta nei bicchieri di plastica!! Mi piace!
    MI darò all'agar anche io una volta finita la scorta di fogli...

    RispondiElimina
  30. Sull'agar-agar se ne sentono tante.Io uso quello della Sosa e seguo i consigli di utilizzo di Ferran Adriá (che non credo sia l'ultimo arrivato, anzi diciamo che la diffusione di queste alghe si deve proprio a lui...cone l'alga Iota o la Kappa)Allora l'agar-agar va aggiunto a composti FREDDI. Si porta la temperatura ad 80/85° e si spegne. Solidifica sotto i 30°, quindi anche fuori dal frigo ed in tempi velocissimi.Dopo una prima solidificazione, passo tutto in frigorifero. Ad esempio per gelatine che vvano consumate a temperatura ambiente (pomodoro, eperone ecc...) non serve riporre al fresco. Le dosi: qui il discorso é più complicato. Dipende dalla quantitá di grassi presente nella ricetta e dal grado di aciditá della stessa. In generale come base considerare 0,3 gr. x 250 di liquidi (come pesare?...io peso 10 gr, con un righello e/o coltello divido per dieci ed ottendo un grammo, poi divido per tre...). Se devi solidificare un liquido grasso (panna e/o latte) 0,3 gr. sono sufficienti. Per succhi di frutta (in genere acidi...limone,arancia, fragola ecc..) devi aumentare a o,5 gr. se vuoi solidificare un thé (ma anche caffé o acqua pura) devi usare 0,6 gr. sempre per 250gr. di massa. Non si filtra. È termoreversibile: se ti penti del contenitore usato, puoi rovesciare la preparazione in un padellino, riportare ad 80/85° e versare in una nuova coppetta. Non uso piú la gelatina (erroneamente chiamata colla di pesce, in realtá sono cartilagini generalmente di maiale...e alcuni amici non mangiano maiale per una forma allergica) anche per un discorso di dosi e di retrogusto. ciao Alexandra

    RispondiElimina
  31. Grazie a tutti!

    Alex: quante info! grazie mille!!!!

    RispondiElimina
  32. Mamma mia, che bontà, il budino di fichi...una vera leccornia!

    RispondiElimina
  33. Ciao! ci sembra invece che questa panna cotta sia riuscitissima! golosa e insolita, ma sicuramente molto dolce!
    eh...conquisti anche noi!!!
    baci baci

    RispondiElimina
  34. Bellissima ricetta, un raggio di sole in questa giornata grigia.

    RispondiElimina
  35. Una ricetta molto originale e con un gusto sicuramente fantastico. Complimenti! Ciao da Simona e Claudia

    RispondiElimina
  36. Buoniiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  37. sono sempre stata attratta dall'agar agar (come alternativa alla colla di pesce di cui non sono proprio una grandissima fan)..quasi quasi mi cimenterò con la tua ricetta!
    (complimenti per il blog)
    Flavia

    RispondiElimina
  38. mamma e che delizia! affonderei volentieri il cucchiaio...

    RispondiElimina
  39. buona!!!Che bella che ti è venuta!!!Slurp e arislurp!

    RispondiElimina
  40. Ciao Silvia!
    Sono così contenta di averti scoperto via flickr :) trovo questo tuo blog davvero ricco e affascinante; questo post, poi, una vera manna per me che sono alla ricerca di informazioni precise sull'agar agar. Ti tengo d'occhio!
    A presto,

    wenny

    RispondiElimina
  41. E fortuna che non vai daccordo con l'agar agar. Io non l'ho mai usato però potrei provare con la gelatina. Sai che mi piace un sacco lo stampino che hai usato? è troooopppo chic!

    RispondiElimina
  42. Che dire.......è qualcosa di divino!!! Rimango sempre a bocca aperta con le tue ricette...complimenti!!!!

    RispondiElimina
  43. furfi....
    mi ero persa un sacco di belle cose, fra cui le foto della sardegna... che invidia!
    sei sempre fantastica, un bacione
    b

    RispondiElimina
  44. Un'ottima ricettina per gustarsi i fichi... deliziosi frutti di stagione! .... poi mi intriga la panna cotta...devo decidermi a provar l'agar agar!

    RispondiElimina

fettunte