lunedì 19 novembre 2012

Pappardelle sulla lepre

Questa lepre, come grossa parte della cacciagione che abbiamo mangiato negli ultimi due anni, è un regalo dei vicini di mia mamma... ovviamente lui è un cacciatore... (a proposito di cacciagione, mi sono accorta che l'anno scorso non ho pubblicato le ricette del cinghiale e del fagiano... provvederò al più presto!).
La ricetta me l'ha suggerita la moglie del cacciatore, anzi, me ne ha suggerite due: una col pomodoro e questa senza pomodoro, che poi ho visto essere praticamente identica a quella di "Cucina Toscana, Ricette, consigli tradizioni, curiosità Vol. 1" di Paolo Petroni. Ho scelto la versione senza pomodoro perchè Petroni nel suo libro dice che è la vera ricetta toscana delle pappardelle sulla lepre.

pappardelle sulla lepre

850 gr di lepre

Per marinare:
1 bottiglia di vino rosso
1 carota
un pezzo di sedano
1 cipolla
1 spicchio di aglio
2 foglie di alloro

Per cuocere
1 bicchiere di vino rosso
2 bicchieri e mezzo di brodo
olio evo
1 cipolla
1 carota
1 pezzetto di sedano
2 foglie di alloro
sale
pepe

Per le pappardelle:
4 uova
250 gr di farina 0
150 gr di semola di grano duro

Pappardelle:
Mescolate le due farine e impastatele con le uova. Fate riposare l'impasto per mezzora in frigorifero.
Tirate una sfoglia sottile (io ho usato la macchinetta). Infarinate la sfoglia e arrotolatela su se stessa. Tagliate il rotolo in pezzi da 2 a 2,5 cm e srotolateli subito, poi disponete la pasta su un piano infarinato.

Prerparazione della lepre:
Tagliate la lepre a pezzetti, mettetela in un recipiente a marinare tutta la notte con il vino e gli odori fatti a pezzetti.
Il giorno seguente scolate la lepre dalla marinata e passatela in una padella antiaderente bella calda per farla asciugare (tenetela nella padella finchè non riliscia più acqua, serve a farle perdere "il selvatico")
In un tegame fate soffriggere, in un po' di olio evo, gli odori tritati finemente, poi unite la lepre e fatela rosolare.
Aggiungete il vino rosso e fatelo evaporare, unite il brodo, il sale e il pepe e fate cuocere a foco basso per circa 30 minuti. 
Spolpate la lepre, lasciando qualche pezzettino più grosso, e  fate cuocere di nuovo per altri 30 minuti, sempre a fuoco basso (se si dovesse seccare troppo aggiungete di nuovo un po' di brodo).

Cuocete le pappardelle e conditele col sugo!

pappardelle sulla lepre 010

Altre ricette con la cacciagione:

31 commenti:

  1. Squisite... veramente.. ho ancora nel cuore quelle del Santa Caterina a Vallombrosa. Le adoro!! Un abbraccio e una buona settimana! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non mi dire che sei delle mie parti! fino a qualche anno fa abitavo abbastanza vicino a Vallambrosa!

      Elimina
  2. Giusto ieri mi è venuta una voglia pazza di pappardelle con la lepre...slurp!
    Passa qui Silvia (http://thedreamingseed.blogspot.it/2012/11/il-pesto-di-cavolo-nero.htmlI, ti ho tributato un piccolo omaggio! :)

    RispondiElimina
  3. Accipicchia che bontà questo bel piatto di pasta casalinga con un sughetto corposo e ricco!
    complimenti!
    un bacione

    RispondiElimina
  4. Non amo molto la cacciagione in genere, in particolare le pappardelle alla lepre le mangiai anni fa in un ristorante e non le aveva cucinate benissimo... da allora non ho più rischiato e non le ho più mangiate... che dici, dovrei dargli un'altra possibilità?... Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da amante della cacciagione direi di si! una bacione!

      Elimina
  5. accidenti come sono invitanti queste pappardelle...vorrei anche io un vicino cacciatore:-) ti aspetto nel mio blog per lo swap:-) un bacione
    annamaria

    RispondiElimina
  6. Qué delicia!! Me ha gustado mucho tu blog y me quedo en tu cocina!!

    Besos...

    RispondiElimina
  7. ciao carino il tuo blog puoi ricambiare iscrivendoti al nostro http://aleanna-cakes.blogspot.it/...grazie

    RispondiElimina
  8. fantastica la pasta fresca con la cacciagione. i piatti della tradizione sono sempre i migliori! buona serata, Maggie

    RispondiElimina
  9. Ciao cara, se vieni a trovarmi c'è un premio per te http://elisa-perincantooperdelizia.blogspot.it/2012/11/premio-simplicity.html! Elisa

    RispondiElimina
  10. Queste pappardelle invitano all'assaggio, passo sul sugo perché non mangio la lepre,ma sono sicura che anche in bianco deessere buonissime , buona settimana :-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, la pasta fresca è sempre buona! buona settimana anche a te!

      Elimina
  11. Non sono brava a cucinare la cacciagione, ma sono bravissima a mangiarla.. la prima della classe :)
    queste pappardelle hanno un aspetto favoloso, mamma mia quanto mi piacerebbe poterne mangiare un bel piattone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora preparati perchè una delle prossime ricette parlerà sempre di cacciagione!

      Elimina
  12. Ciao Silvia, piacere di conoscerti mi chiamo Emanuela ed anche io ho un blog di cucina, sono venuta a sbirciare nel tuo blog ed ho capito subito due cose: primo che sei bravissima, ottime ricette e bellissime foto, secondo che forse sei toscana come me? Sbaglio? Comunque il tuo blog è molto bello e tornerò a farti visita presto.
    Un saluto da Emanuela di Chiacchiere ai fornelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emanuela! grazie per quello che hai detto e poi si, sono una toscanaccia doc! ciao!

      Elimina
  13. Che buone, mi fai venire fame. Ti seguo subito, ciao dalla Sicilia!

    RispondiElimina
  14. Che buone queste pappardelle. Farebbero venire fame a chiunque...! Anche a quest'ora!
    Complimenti,
    Buon pomeriggio!
    Incoronata

    RispondiElimina
  15. Ciao il tuo blog mi piace un sacco...e infatti mi sono unita ai tuoi lettori...se ti va passa a trovarmi...e unisciti ai miei.
    Saluti
    Paola

    RispondiElimina

fettunte